Cura della pelle: esfoliazione

Data di Pubblicazione: Dic 15, 2023
skincare-skin-care-pelle-pulizia-viso-esfoliazione

L’esfoliazione: cos’è

Dopo aver parlato di detersione e idratazione, i due passaggi fondamentali della skincare routine, scopriamo oggi insieme un altro passaggio molto importante e spesso sottovalutato: l’esfoliazione.

L’esfoliazione è il passaggio della skincare che permette una rimozione controllata dello strato superficiale dell’epidermide composto da cellule morte e residui di trucco o di sporco.

Perchè è importante esfoliare la pelle?

Dedicarsi a questo passaggio:

– rende la pelle più liscia, levigata e luminosa;

– schiarisce le macchie cutanee;

– aiuta ad eliminare brufoli, punti neri e punti bianchi;

– previene i grani di miglio;

– affina i pori dilatati;

– aumenta il turnover cellulare;

– fa assorbire meglio i prodotti che vengono applicati sulla pelle.

L’esfoliazione aiuta ad avere un aspetto più luminoso e a spingere verso un rinnovamento cellulare più rapido, con benefit anti-age, antiossidanti, promuove la produzione di collagene e permette alle altre sostanze attive di penetrare e lavorare meglio.

Esfoliazione: le tipologie

Esistono due tipologie di esfolianti: gli esfolianti chimici che agiscono tramite gli acidi e quelli fisici che agiscono invece per abrasione.

Gli esfolianti fisici (spesso conosciuti come “scrub”) esplicano un’attività più superficiale e non sono adatti a chi ha delle imperfezioni cutanee già sviluppate (acne, brufoli…) o a chi ha una pelle troppo sensibile e delicata. Il rischio è quello di irritare inutilmente la cute, andando a creare dei micro graffi che inducono uno stato infiammatorio.

L’uso andrebbe evitato in caso di acne attiva, perché non solo si danneggiano i brufoli, ma si favorisce la dispersione dei batteri alla base del processo infiammatorio stesso.

Gli esfolianti chimici (spesso conosciuti come “peeling”) lavorano in maniera più uniforme, sono meno traumatici su eventuali imperfezioni e inducono meno infiammazione. Inoltre, il giusto acido può essere un valido alleato in caso di acne e iperpigmentazione.

Esistono 3 tipologie di acidi utilizzati per l’esfoliazone:

– Alfa idrossi acidi: acido glicolico, acido lattico, acido mandelico. Sono adatti anche a pelli secche e per contrastare i segni dell’invecchiamento.

– Beta idrossi acidi: acido salicilico, penetra molto in profondità nei pori, è adatto a pelli acneiche o grasse.

– Poli idrossi acidi: gluconolattone, acido lattobionico. Hanno degli effetti analoghi agli alfa idrossi acidi, ma non possiedono caratteristiche irritanti, risultando più adatti a pelli sensibili prone all’iperpigmentazione.

L’esfoliazione non è un passaggio quotidiano, ma va eseguita più saltuariamente, da una a tre volte alla settimana, in base alla propria tolleranza.

autostima-coaching-obiettivi-life-coach-donne-business

Esfoliazione: qualche consiglio

Per concludere, ecco qualche consiglio per inserire in modo sicuro ed efficace questo passaggio nella skincare:

– esegui l’esfoliazione alla sera, dopo la detersione e prima dell’idratazione;

– inizia con un prodotto a bassa concentrazione di acidi, 1 volta a settimana;

– indossa sempre la protezione solare il mattino successivo.

(Ri)trova le buone abitudini:

migliorerai la qualità della tua vita!

Richiedi ora il tuo colloquio gratuito

per avere maggiori informazioni sull’esfoliazione e su come rendere più luminosa la tua pelle! Prenditi del tempo per te e…

Articolo redatto in esclusiva per il progetto Voglio Essere Me.